Ti trovi qui: Home Buddhismo Insegnamenti Buddhisti Dottrine Buddhiste

Dottrine Buddhiste

Le Quattro Nobili Verità

Pietra angolare della visione buddhista dell’uomo e della realtà, sono la sintesi dell’esperienza del risveglio e la loro esposizione ai cinque discepoli segna la “messa in moto della ruota della Legge”.??

Dharma

Così, Ananda, un monaco è isola per se stesso, prende rifugio in se stesso e non in altro, così egli fa sì che la sua isola sia il Dhamma, che il suo rifugio sia il Dhamma e non altro” (Mahaparinibbanasuttanta).

Samsara

L’uomo che ha come compagna la brama trasmigra di vita in vita per un tempo interminabile: egli non valica il samsara né in questa vita né in un’altra” (Itivuttaka).

I Tre Veleni

Colui il quale rimuove l’ira in lui sviluppatasi come chi, con le medicine, elimina il veleno diffuso nel corso, costui è un bhikkhu che abbandona questa riva e la riva opposta” (Suttanipata).

Karman e rinascita

Agire con motivazioni positive porta a conseguenza positive, ma non è di per sé sufficiente a ottenere la trasformazione della mente, illuminata dalla vera natura della realtà.

Impermanenza

L’mpermanenza è la natura della realtà samsarica, nella quale tutto si genera per una concomitanza di cause e di condizioni transitorie destinate a svanire insieme agli effetti prodotti.??

Inesistenza del Sé

I figli sono miei! La ricchezza é mia!’: a tali pensieri uno stolto diventa ansioso Invero, un sè che possa dirsi mio non esiste e allora come possono dirsi miei i figli e la ricchezza?” (Dhammapada)??

Originazione dipendente

E’ la trappola in cui l’individuo si trova imprigionato fino a quando permane nell’ignoranza e nella cecità rispetto alla vera natura della realtà.?

Nirvana

Quando un monaco ha compreso ciò che è sorto, e non ha più brama alcuna per questa o altre vite, attraverso la scomparsa di ciò che è sorto, egli non va più incontro a nuove esistenze” (Itivuttaka).

Vacuità Universale

La vacuità – han detto i Vittoriosi – è l’eliminazione di tutte le opinioni. Coloro poi per cui anche la vacuità è un’opinione – essi hanno detto – sono inguaribili” (Nagarjuna, Madhyamakakarika).

Il cammino del Bodhisattva

La via verso l’illuminazione è frutto dell’esercizio delle virtù accompagnato dalla pratica della saggezza che il bodhisattva intraprende con il solo desiderio di aiutare tutti gli esseri viventi.??

Le Paramita

Dotato di una mente priva di influssi impuri…non prende in esame colui che offre, né colui al quale egli offre, né la cosa che offre, né, infine, chi é l”io’ che offre” (Astadasasahasrikaprajnaparamita).??

I Campi dei Buddha

La terra pura non è un paradiso dei piaceri, ma un luogo di perfezione spirituale, dove non esistono né desiderio né attaccamento e più efficace è la via che conduce all’illuminazione.

Illuminazione

Colui che, vigile, dimorerà nel Dhamma e nella disciplina, abbandonerà il ciclo delle nascite e metterà fine alla sofferenza” (Mahaparinibbanasuttanta).??

I mille Buddha

Allora, in quel momento, dal ciuffo di peli bianchi tra le sopracciglia del Beato scaturì un raggio di luce che si diffuse sui diciottomila campi buddhici a oriente” (Saddharmarundarikasutra).??

Trikaya

La manifestazione terrena di un Buddha è una sorta di magica trasformazione della sua natura sovramondana calata nello spazio e nel tempo per essere di beneficio a tutti gli esseri umani.??

Tantra

L’insegnamento tantrico mira alla realizzazione dell’assoluto nel relativo, purificando la mente da ciò che impedisce l’irradiarsi della chiara luce della conoscenza.??

Dzogchen

La trasmissione dell’insegnamento è rappresentata dai Buddha e dai bodhisattva della famiglia del vajra, simbolo dello stato primordiale nel quale il praticante deve reintegrarsi.

I Sei Destini

Lo stolto è vincolato nei vari destini (che si svolgono) all’interno della trasmigrazione, a causa del proprio aggrapparsi all’esistenza” (Lankavatarasutra).

Gli Inferi

Quelli che sono attaccati a entrambi, al corpo, senza sé, vuoto, e alla vita, priva di potere e somigliare a un sogno, dopo la morte vanno ai purgatori” (Samadhirajasutra)